Differenza tra compressione lossy e lossless

126

Un sito web con un’altra qualità delle immagini, migliora indubbiamente l’esperienza utente e fa si che le persone tornino a visionare i tuoi articoli. Purtroppo, a una maggiore qualità delle immagini, corrisponde un maggior bisogno di spazio su disco. Per questo nascono plugin o servizi online che ti permettono di comprimere i file senza perdere la qualità delle immagini. Esistono varie modalità di compressione, come quella “lossy” e la “lossless“. Di seguito vediamo di cosa si tratta.

Su un sito WordPress puoi avvalerti di numerosi plugin per la compressione delle immagini. Puoi fare lo stesso anche comprimendo le immagini tramite dei servizi online gratuiti e semplici da utilizzare. Per capire la modalità di compressione utile a non perdere la qualità della foto, devi comprendere la differenza tra “lossy” e “lossless”. Se invece sei interessato ai file WebP (un formato aperto di compressione per le immagini specifico per l’utilizzo web), leggi: come inserire le immagini WebP in WordPress.

Differenza tra compressione lossy e lossless

Iniziamo col dire che la compressione dei file riduce la qualità dell’immagine, ma questa qualità può essere salvaguardata riducendo la compressione a seconda delle nostre esigenze. Una cosa è certa: a una maggiore compressione corrisponde una maggiore quantità di spazio su disco risparmiata! Ecco quindi la differenza tra lossy e lossless“:

Cos’è la compressione lossy?

La compressione lossy è quella più drastica, ovvero quella che riduce all’osso le dimensioni del file e va ad intaccare pesantemente la qualità dell’immagine. Ovviamente, più un’immagine è di alta qualità e meno verrà notata la differenza post compressione, dal visitatore del sito.

Questo tipo di compressione, “con perdita” è usato con i formati JPEG (Joint Photographic Experts Group) e GIF (Graphics Interchange Format). 

Ecco l’esempio di un’immagine prima e dopo la compressione lossy. Sulla sinistra c’è l’originale di dimensione 220 KB. L’immagine a destra ha una riduzione delle dimensioni del 65%. E’ stata ridotta del 65% e non presenta sostanziali differenze. Per fare questa compressione lossy ho usato il servizio online gratuito: shortpixel.com.

Cos'è la compressione lossy?
A sinistra l’originale, a destra l’immagine compressa lossy.

Osservando attentamente l’immagine, non noterai alcuna differenza, nonostante la grandissima compressione applicata. Premetto che l’immagine originale era di una qualità abbastanza buona, ma con immagini inizialmente di bassa qualità, potresti iniziare a vedere delle differenze dopo la compressione lossy.

La riduzione delle dimensioni dell’immagine migliora i tempi di caricamento del tuo sito, l’esperienza utente e tutto questo influisce positivamente sull’aspetto SEO (Search Engine Optimization, quell’insieme di strategie e pratiche volte ad aumentare la visibilità di un sito internet).

Di contro abbiamo l’impossibilità di tornare all’immagine originale dopo averla compressa, e la riduzione della qualità dell’immagine se questa è bassa in partenza. Come ho detto all’inizio, la leggerezza del file comporta la perdita di qualità. E’ un compromesso da tenere a mente.

Cos’è la compressione lossless?

La compressione lossless invece, elimina solamente i metadati e le informazioni non essenziali che non influiscono sull’aspetto o sulla qualità dell’immagine. Ne risulta che la compressione è leggerissima e il guadagno di spazio quasi nullo.

I file più usati con questo tipo di compressione sono le immagini PNG (Portable Network Graphics). Nell’esempio visto sopra, ma applicato alla compressione lossless, il nostro gatto che inizialmente ha è di 220KB, vede ridurre le proprie dimensioni di solo il 5%, passando a 207KB.

Differenza tra compressione lossy e lossless.
Differenza tra compressione lossy e lossless

La compressione lossless non va ad intaccare la qualità dell’immagine, e ti consente di ripristinare l’immagine nel suo formato originale senza alcuna perdita di dati. Purtroppo questo tipo di compressione non riduce le dimensioni dei dati significativamente e non risparmierai molto spazio di archiviazione, quasi niente!

Quando usare lossy o lossless?

E’ consigliabile usare la compressione lossless per i file PNG, loghi, illustrazioni, icone e testo con sfondi trasparenti, e quella lossy con i più comuni file JPEG. Ti ricordo che WordPress comprime automaticamente i file JPEG (fino all’82%). Puoi applicare questa compressione tramite servizi online come tinypng.com e shortpixel.com, o plugin per WordPress come imagify, shortpixel-image-optimiser e wp-smushit.

Ovviamente devi utilizzare la compressine lossy se hai problemi di spazio su disco o di la larghezza di banda. Questo è anche consigliato dagli esperti SEO e da Google stesso, soprattutto se hai un e-commerce, un sito portfolio o un Blog.

Al contrario, se non hai problemi di larghezza di banda o di spazio su disco, puoi usare la compressione lossless per siti web basati su immagini, come un sito di fotografia, che utilizza file RAW, BMP, GIF e PNG.

In sintesi

  • Compressione con perdita Lossy: è l’opzione migliore per la maggior parte degli utenti. Le immagini elaborate con algoritmi Lossy sono le immagini ottimizzate più piccole che puoi ottenere. Quindi, se la velocità del tuo sito è fondamentale e desideri il miglior equilibrio tra ottimizzazione e qualità dell’immagine, ti consiglio di continuare ad utilizzare l’ottimizzazione Lossy.
  • Compressione senza perdite Lossless: le immagini ottimizzate senza perdita di dati sono identiche agli originali, ma offrono una riduzione delle dimensioni inferiore rispetto ai file elaborati con perdita di dati. Se vuoi che le tue immagini rimangano intatte, seleziona questa opzione.
  • Compressione lucida glossy: questo è il terzo metodo di compressione, disponibile su shortpixel. E’ la scelta migliore se ti interessano le prestazioni ma ritieni che una leggera perdita di velocità della pagina sia un compromesso accettabile per una qualità dell’immagine di prim’ordine. Nell’esempio del nostro gatto, se dall’originale di 220KB si passa ai 77KB di lossy e ai 207 di lossless, con glossy siamo al 21% di risparmi spazio su disco, quindi a 172KB.

Bene, ti ho fatto vedere la differenza tra compressione lossy e lossless. Spero di esserti stato di aiuto, ciao e alla prossima! Leggi anche: come ottimizzare le immagini sul Sito web e come comprimere le immagini Oline.

Simone Icolaro
Seguimi su:
Latest posts by Simone Icolaro (see all)