Come usare ChatGPT con la VPN

Se eri solito usare ChatGPT per aiutarti a scrivere i tuoi articoli, ti sarai sicuramente accorto che da qualche giorno non puoi accedere al servizio a causa delle limitazioni imposte dal Garante, che ritiene illecita la raccolta dei dati personali e lamenta l’assenza di sistemi per la verifica dell’età dei minori. In attesa che la situazione si sblocchi e che le parti arrivino ad un accordo, puoi continuare ad usare ChatGPT sfruttando un trucco“. Se vuoi quindi tornare a scrivere i tuoi articoli, ecco come usare chatgpt con la VPN.

Sappiamo tutti che ChatGPT é bloccato in Italia, ma, tramite una VPN, puoi “fingerti” residente in un altro paese ed accedere al servizio di intelligenza artificiale, senza problemi! Ti ricordo che questo articolo é puramente a scopo informativo. Ma vediamo subito come fare:

Come usare chatgpt con la vpN

ChatGPT è un modello di linguaggio basato sull’architettura GPT (Generative Pre-trained Transformer) sviluppato da OpenAI. Il modello utilizza tecniche di deep learning per generare testo in modo autonomo e rispondere a una vasta gamma di domande. ChatGPT può essere utilizzato come chatbot, assistente virtuale, e molto altro ancora. In sostanza, ChatGPT è in grado di imparare e comprendere il linguaggio umano e di interagire con gli utenti come fosse una persona in carne ed ossa.

Viste le limitazioni del Garante, puoi provare ad utilizzare la nuova barra laterale di Microsoft Edge, che integra le funzionalità ChatGPT, ma anche qui potresti trovare degli ostali se non ti geolocalizzi all’estero! L’unica soluzione é usare una VPN (Virtual Private Network), un tipo di connessione di rete che consente di accedere a Internet attraverso un tunnel cifrato e sicuro. In pratica, una VPN connette il tuo computer, smartphone o qualsiasi altro dispositivo a un server remoto situato in un altro luogo geografico, rendendo la tua connessione Internet anonima e criptata.

Questo ti ti consente di accedere a contenuti che potrebbero essere bloccati nella tua area geografica. Ad esempio, potresti utilizzare una VPN per accedere a servizi di streaming video che non sono disponibili nel tuo paese o per accedere a siti Web che sono stati bloccati dal tuo provider di servizi Internet, come per l’appunto ChatGPT (ora bloccato solo in Italia ma in futuro non si sa…). Esistono svariate VPN a pagamento, tra le quali spicca la famosissima NordVPN, ma, se non usi il PC per lavoro e vuoi sfruttare ChatGPT per svago, puoi utilizzare la VPN gratuita demoninata “ProtonVPN“.

COME USARE CHATGPT CON PROTONVPN

ProtonVPN é una VPN gratuita che, oltre a geolocalizzarti altrove, ti permette di mettere i tuoi dati in sicurezza e tutelare la tua privacy (i suoi server sono situati in Svizzera e fanno parte del CERN). A differenza di altre VPN gratuite, non ci sono rischi o annunci. Proton VPN Free è sovvenzionato dagli utenti a pagamento di Proton VPN. Per velocità più elevate, maggiori funzionalità e piú server, puoi optare per la versiomne a pagamento. Per le operazioni piú comuni, la versione gratuita, che dispone di tre server nel mondo (Stati Uniti, Olanda e Giappone, é piú che valida).

Usare ProtonVPN é facilissimo: ti basterá andare sul sito web protonvpn.com, cliccare sul pulsante “Ottieni subito ProtonVPN” e cliccare poi su “Scegli Proton Free“. Con la versione gratuita, avrai a disposizione più di 100 server in 3 paesi, nessuna pubblicità, larghezza di banda illimitata, assistenza client e funzioni gratuite di Proton Mail, Calendar e Drive.

Una volta cliccato su “Scegli Proton Free“, nella nuova pagina clicca su “Continua con free” e crea il tuo account inserendo email e password, dopodiché scarica il file eseguibile sul tuo computer. Riceverai delle email di conferma nella tua casella di posta. Una volta installato il file, aprilo ed effettua l’accesso con le credenziali che hai usato per creare l’account ed il gioco é fatto!

Aprendo il programma (caratterizzato dall’icona a forma di piramide rovesciata di colore viola), accederai al pannello principane di ProtonVPN. Cliccando sul pulsate “Connesisone rapida“, verrai connesso al server piú veloce disponibile, tra quelli di Stati Uniti, Olanda e Giappone (se digiti dall’Italia, verrai connesso ai server virtuali Olandesi). Puoi cambiare server spostando il cursore sulla mappa, sopra i triangoli viola e poi cliccando sul nome del Paese e su “Connetti”.

Come usare ProtonVPN.

Nella barra di sinistra, puoi vedere i tre Stati disponibili, tra i quali il Giappone, l’Olanda, che presenta anche l’icona con le due frecce, per usare i servizi P2P (per usare uTorrent) e il piú completo, gli Stati Uniti, che presenta anche l‘icona della cipolla per usare la tecnologia Tor (per maggiore sicurezza). La versione gratuita non ti permette di usare gli altri server che vedi nella sezione sottostante. Delle icone che nella Tab in alto invece, nella versione Free puoi usare solamente ilKill Switch“, che, se attivato, ti disconnette da internet quando la VPN cade (per proteggerti dal ritorno involontario alla rete pubblica).

Una volta connessi ad server “straniero”, non ti resta che aprire ChatGPT e continuare ad utilizzarla senza problemi e limitazioni. Quando hai finito, se vuoi tornare al tuo IP pubblico, puoi disconnetterti da ProtonVPN, semplicemente cliccando su “Disconnetti” e chiudendo il programma. Ti ricordo che, quando sei connesso, puoi visualizzare il flusso di dati che stai utilizzando, direttamente nella sezione sottostante la mappa. Facile no?!

Il mio consiglio é quello di utilizzare sempre servizi VPN a pagamento come NordVPN, che, con una spesa minima, ti protegge per un lungo periodo e con tutte le funzionalità possibili ed immaginabili, ma, se proprio non vuoi sottoscrivere un abbonamento, ProtonVPN puó esserti molto utile. Il mio articolo é puramente a scopo informativo, spero di esservi stato di aiuto, ciao e alla prossima! (questo articolo contiene link di affiliazione). Leggi anche: NordVPN: la migliore VPN per la tua privacy online! e come esportare le conversazioni di ChatGPT.

Simone Icolaro
Simone Icolarohttps://simoneicolaro.comefareper.online/
Ciao, mi chiamo Simone Icolaro, sono un Perito Capotecnico Informatico, e ho creato questo Blog per aiutare i meno esperti di informatica e tecnologia in generale. Spero di adempiere al mio compito e togliervi qualche grattacapo :)

ALTRI POST

ISCRIVITI

430SubscribersSubscribe

CORRELATI