Come fare la Fattura Elettronica gratis (Regime Forfettario)

71

Sei un libero professionista che ha aperto da poco la partita iva e quindi ti avvali del Regime Forfettario, sei venuto a conoscenza dell’imminente passaggio alla fatturazione elettronica anche per quanto riguarda te, e vuoi trovare un modo per adempiere al tuo dovere senza pagare troppo? Non preoccuparti, ti aiuto io! Qui ti farò vedere come fare la Fattura Elettronica gratis per quanto riguarda il regime forfettario.

Il passaggio alla fatturazione elettronica per il Regime Forfettario ha scombussolato la vita di molti di noi! E’ l’inizio di una nuova era e bisogna cambiare i metodo di fatturazione. Puoi farlo tramite moltissimi software a pagamento, ma non tutti sono disposti a sborsare la quota che serve a garantirsi il servizio. Per fortuna l’agenzia delle entrate ci mette a disposizione il proprio servizio online che è del tutto gratuito. Ma vediamo subito come fare.

Come fare la Fattura Elettronica gratis (Regime Forfettario)

In questo articolo ti mostro come fare la fattura elettronica gratuitamente, nel caso del Regime Forfettario. Lo so, la procedura sarà un po’ complicata ma è il prezzo da pagare se non si vuole pagare (scusate il gioco di parole) un software apposito (magari più semplice da usare). Alla fine dell’articolo inserirò anche il video di Youtube dove ho preso queste informazioni che spero possano aiutarti come hanno aiutato me. Buona lettura.

Per accedere allo strumento per la Fatturazione Elettronica dell’Agenzia delle Entrate, come prima cosa recati su Google e cerca: Agenzia delle entrate“, quindi clicca sul primo risultato – https://www.agenziaentrate.gov.it/

Una volta nel sito web, clicca in alto a destra su “Area riservata” (sotto la lente di ingrandimento) e poi sul pulsante blu “Accedi alla nuova area riservata” (sulla sinistra). Ora puoi fare l’accesso alla tua aera riservata tramite vari modi: con lo SPID, tramite la carta d’identità elettronica, oppure la firma digitale. Io ti consiglio di accedere con lo SPID.

Una volta effettuato l’accesso vero e proprio alla tua area riservata, in alto a destra vedrai il tuo nominativo. Scorri la pagina verso il basso e, sotto “Servizi più richiesti“, clicca su Fatturazione elettronica“. Nella nuova pagina, clicca su “Accedi” nella sezione “Fatture e corrispettivi“. Leggerai un messaggio di benvenuto.

Come fare fattura elettronica gratis - regime forfettario.

Scorri la pagina verso il basso e, in “Fatturazione elettronica e conservazione“, accedi a “Fatturazione elettronica e fatturazione” (cliccando sul link accanto alla freccia). Ora puoi iniziare a creare la tua fattura elettronica. Vediamo come fare un esempio di fattura elettronica tramite questo servizio:

Nella sezione “Crea nuovo file“, clicca suFattura ordinaria” e inizia la compilazione dei moduli. Inizia con l’inserire i tuoi dati: oltre all’anagrafica, è importante verificare di aver inserito il regime fiscale giusto. Nel caso del Regime Forfettario, seleziona “Regime forfettario (art. 1, c.54-89…“. Vai avanti e clicca in basso a destra su “Vai a Cliente“.

Nei dati del cliente inserisci il numero di partita iva del tuo cliente, tutti glia altri dati, e il codice destinatario. Il codice destinatario sarebbe il codice SDI. Una volta finito, clicca in basso a destra su “Vai a Dati della fattura“.

Nei dati della fattura devi indicare il tipo di documento (Fattura) e il regime fiscale con cui emetti la fattura (Regime forfettario). Fai attenzione ad inserire il numero giusto della fattura (1,2,3 ecc). Dopo aver inserito data e Divisa (EUR), devi aggiungere il bene o servizio che hai erogato: clicca su + Aggiungi” e compila il modulo (Esempio: Descrizione “Consulenza”, Quantità 1, Prezzo 100,00. Aliquota iva 0% perché parliamo di regime forfettario esente dall’iva, e Natura “No soggette-altri casi”). Salva e torna ai dati della fattura.

Visto che la fattura ha un importo superiore a 77,41 euro, devi aggiungere Dati bollospuntandolo dalla colonna di destra “Altri dati”. A sinistra comparirà il modulo “Dati bollo”. Inserisci “Bollo virtuale Si e importo del bollo di 2 euro.

Ora torna sulla colonna di destra e spunta Dati cassa previdenziale“. Comparirà l’ennesimo modulo a sinistra: seleziona a quale tipo di cassa sei iscritto. Se non sei iscritto a nessuna Cassa previdenziale, seleziona INPS con aliquota al 4% (che va calcolata sull’importo totale dei beni e servizi). In “Importo contributo cassa” inserisci quindi il 4% che nel nostro caso è 4 euro (4% di 100 euro), e l’imponibile che per l’esempio è 4 euro. Aliquota iva allo 0% (Forfettario) e la natura è “Non soggette-altri casi“.

Torna per l’ennesima volta sulla colonna di destra e spunta Causale“. Nel modulo che compare in fondo a sinistra, come causale inserisci “Operazione effettuata in regime fiscale forfettario…“, clicca poi sul pulsante “Aggiungi causale” (la seconda causale), e, in “Causale 2” selezioniamo “SI RICHIEDE LA NON APPLICAZIONE DELLA RITENUTA ALLA FONTE…” in quanto sotto regime forfettario non sei soggetti alle ritenute d’acconto.

In fine, scorri la pagina vero il basso ed inserisci l’importo totale: il portale ci restituite 104 euro, ma non considera che noi abbiamo aggiunto il bollo. 104+2 fa 106, quindi l’importo totale della nostra fattura sarà 106,00 euro. A questo punto clicca in basso a destra su “Vai a verifica dati“. Controlla tutto quello che hai inserito e scarica il PDF o invialo direttamente.

RIPETO: la procedura è un po’ complicata ma è gratis. In caso di difficoltà o domande, ti consiglio di rivolgerti ad un Dottore Commercialista abilitato. Di sotto ti lascio il video Youtube di fb energia digitale, dove potrai vedere tutti i passaggi direttamente sullo schermo:

Bene, ti ho fatto vedere come fare la Fattura Elettronica gratis nel caso del Regime Forfettario. Ripeto che né io né lo Youtuber che spiega nel video siamo Commercialisti, quindi, se hai dei dubbi, chiedi al tuo Commercialista! Spero di esserti stato di aiuto, ciao e alla prossima! Leggi anche: come pagare l’F24 sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Simone Icolaro
Seguimi su:
Latest posts by Simone Icolaro (see all)