Come creare link Nofollow in WordPress

Stai cercando un modo per aggiungere l’attributo Nofollow ai tuoi link in WordPress e non sai come fare??? Non c’è nessun problema, ti aiutiamo noi!

L’aggiunta di numerosi link al tuo sito è un eccellente modo per potenziare la tua SEO(Search Engine Optimization, definisce tutte le attività di ottimizzazione di un sito web volte a migliorarne il posizionamento nei risultati organici dei motori di ricerca come Google e Bing). Allo stesso tempo, alcuni link possono essere dannosi. Ecco perché è necessario imparare come creare collegamenti nofollow in WordPress.

Un link nofollow è proprio quello che sembra, istruisce i bot dei motori di ricerca a non seguirlo. Impedire ai robot di eseguire la scansione di tipi specifici di link, come gli URL affiliati, aiuta a garantire che le prestazioni SEO rimangano di prim’ordine.

In questo articolo, spiegheremo come funzionano i collegamenti nofollow e discutiamo i loro pro e contro. vedremo come utilizzarli in modo efficace e mostreremo come creare collegamenti nofollow in WordPress.

Cosa sono i link Nofollow

I motori di ricerca dispongono di bot progettati per esplorare il tuo sito web. Questi bot capiscono di cosa tratta il contenuto, come è organizzato e così via, in questo modo, possono presentare il tuo sito come risultato nelle ricerche pertinenti.

Uno dei tanti aspetti a cui i bot di ricerca prestano molta attenzione sono i link sul tuo sito. Per impostazione predefinita, tutti i collegamenti sono “seguiti” alla loro origine, fornendo ai robot informazioni su quali tipi di pagine web sono associati al contenuto.

Purtroppo ci sono alcuni tipi di link che possono danneggiare il tuo la tua SEO. In casi come questo, è possibile implementare collegamenti nofollow in WordPress. Questi sono normali collegamenti con un codice aggiuntivo, in modo che i bot di ricerca non li seguano. I tuoi visitatori non noteranno alcuna differenza.

L’uso di collegamenti nofollow non nasconde effettivamente i collegamenti ai motori di ricerca: Richiede che i bot ignorino quei link e spetta ai motori di ricerca rispettare questa richiesta. L’utilizzo di nofollow sui tuoi link non garantisce che essi non avranno alcun impatto sulla tuo SEO, ma resta ancora un modo intelligente per minimizzare il loro impatto.

Validi motivi per usare un link Nofollow

Qualcuno ti dirà di usare i link nofollow su tutti i link esterni. Questa pratica non è completamente corretta, dal momento che impedisce ai motori di ricerca di vedere come i tuoi contenuti sono connessi alle altre pagine web.

È meglio usare i link nofollow solo quando c’è una buona ragione per farlo. I principali tipi di link nofollow sono indicati per:

  • Link inviati dall’utente, poiché sono spesso irrilevanti e possono persino portare a siti dannosi.
  • Link di affiliazione o altri URL a pagamento, poiché generalmente non vuoi che influenzino la tua classifica di ricerca.
  • Collegamenti che portano a fonti discutibili o potenzialmente non affidabili.

Nota: Non dovresti mai utilizzare l’attributo nofollow sui link interni, poiché impedisce ai robot di ricerca di eseguire la scansione del tuo sito e può influenzare negativamente la tua SEO.

Come creare link Nofollow in WordPress

Se vuoi sapere come creare collegamenti nofollow in WordPress, nessuna paura, è un processo semplice, che può essere gestito utilizzando uno dei due metodi che ti mostrerò.

Aggiungere il nofollow manualmente

Innanzitutto, è importante capire che WordPress assegna già automaticamente l’attributo nofollow ad alcuni collegamenti. In particolare, contrassegna tutti i collegamenti inviati dall’utente come nofollow (come i collegamenti all’interno dei commenti). Questo aiuta a ridurre lo spam dei commenti sul tuo sito web e significa che devi solo preoccuparti di aggiungere nofollow ai link che crei tu stesso.

Per aggiungere l’attributo nofollow, assicurati di essere nella scheda Testo dell’editor. Quindi, incolla il seguente snippet:

<a href="http://esempio.com/post" rel="nofollow">Testo di ancoraggio</a>

Dovrai sostituire l’URL di esempio con il tuo e aggiungere qualsiasi testo desideri che il link visualizzi al posto del testo di ancoraggio. Quindi, salva la pagina o il post!

Ecco come creare collegamenti Nofollow in WordPress.

Usa dei plugin specifici

Come puoi vedere, l’aggiunta manuale di link nofollow al tuo sito web è molto semplice. Tuttavia, è possibile semplificare ulteriormente il processo utilizzando un plugin.

Personalmente, preferiamo il metodo classico, onde evitare di intasare WordPress con migliaia di plugin.

Puoi usare il plugin Title e Nofollow For Links. Questo semplice strumento aggiunge una casella di controllo che puoi usare durante la creazione dei link.

Title and Nofollow For Links - Nofollow plugin
nofollow plugin

Il plugin è facilissimo da usare ed aggiunge l’opzione nofollow direttamente cliccando sulla graffetta per aggiungere il link, come hai sempre fatto, e scegliendo l’icona a forma di ingranaggio per impostare il nofollow e l’apertura della pagina in una nuova finestra.

Conclusioni:

Se vuoi che il tuo sito abbia un buon posizionamento nei risultati dei motori di ricerca, devi stare molto attento a come usi i link. Mentre generalmente desideri che Google e altri siti simili sappiano esattamente dove ti stai collegando, alcuni tipi di link è meglio “silenziarli”.

Bene, ti abbiamo fatto vedere come come creare link Nofollow in WordPress. Speriamo di esservi stati di aiuto, ciao e alla prossima 🙂

Seguimi su:
Ciao, mi chiamo Simone Icolaro e gestisco www.comefareper.online. Qui ti aiuterò nel cercare soluzioni ai piccoli problemi tecnologici.
Simone Icolaro
Seguimi su:
Latest posts by Simone Icolaro (see all)